Home Auto Addio McLaren P1: prodotto l’ultimo esemplare (FOTO)

Addio McLaren P1: prodotto l’ultimo esemplare (FOTO)

363
0
SHARE
L'esemplare N°375 è l'ultimo prodotto Foto: 0-100.it

P1 BYE-BYE
McLaren P1, componente della “trinità ibrida” formata da Ferrari LaFerrari e Porsche 918, esce di scena.
Il marchio britannico ha infatti prodotto il 375° esemplare, l’ultimo previsto e ora la supercar da oltre 1 milione di euro diventerà a tutti gli effetti un costosissimo oggetto da collezione. Anche se in realtà già lo era: McLaren, al pari di Ferrari, fa dell’esclusività il proprio cavallo di battaglia e non è con i grandi numeri che si costruisce una leggenda.

Il colore arancio-perla accompagna l'ultima McLaren P1 Foto: 0-100.it
Il colore arancio-perla accompagna l’ultima McLaren P1
Foto: 0-100.it

3 ANNI DI GLORIA
L’anteprima mondiale era avvenuta al Salone di Parigi 2012, mentre il primo esemplare di serie (per così dire) è stato costruito l’anno successivo, giusto in tempo per celebrare i 50 anni del marchio fondato da Sir Bruce. 375 esemplari, ma nessuno identico all’altro: per assemblarne uno servono circa 17 giorni di lavoro e il cliente ha praticamente carta bianca (e visto il prezzo ci mancherebbe) in fatto di personalizzazioni, rendendo di fatto ogni vettura una one-off.

McLaren P1: il posteriore è da spavento Foto: 0-100.it
McLaren P1: il posteriore è da spavento
Foto: 0-100.it

916 CV di potenza per la P1 Foto: 0-100.it
916 CV di potenza per la P1
Foto: 0-100.it


L’ARANCIO PER IL SALUTO FINALE
L’ultima P1 è caratterizzata da una colorazione “arancio-perla”, in omaggio alla leggendaria McLaren F1: sotto allo chassis in fibra di carbonio il famoso V8 biturbo di 3.8 litri abbinato al motore elettrico, per un totale di 916 cv e una coppia di 900 Nm, in grado di garantire una velocità massima prossima ai 350 km/h, uno scatto 0-100 in 2,8 secondi e uno 0-300 in soli 16,5 secondi. Tra i fortunati proprietari celebri il due volte campione del mondo di Formula 1 Fernando Alonso, attualmente in forza al team McLaren.

Vedi anche  Formula 1: nel diluvio di Spa il fulmine è Rosberg