SHARE
Aldo Autiero, presidente Classic Motor Company Club

La passione per i motori è quella sensazione che non si può spiegare facilmente. C’è chi si innamora immediatamente, chi dopo determinato tempo, con l’amore verso i propulsori che aumenta giorno dopo giorno. Poi ci sono anche tutti quegli appassionati di auto d’epoca, quelle storiche che ci fanno tornare indietro nel tempo, come quando si è al cinema ad ammirare “Via col vento”. Aldo Autiero, numero uno del Classic Motor Company Club, è una persona schietta,decisa, che ha concesso a Blogdimotori.it, la possibilità di intervistarlo.

Aldo Autiero, lei è presidente del Classic Motor Company Club. Di che cosa si occupa, nello specifico questa sorta di associazione?

Il nostro club intende valorizzare auto d’epoca, nello specifico i modelli Alfa Romeo e Porsche, anche se per quest’ultima non abbiamo fatto tanta pubblicità. Vogliamo essere un punto di riferimento per restaurare, se così posso affermare, tutti quei mezzi che hanno valenza storica e non solo. Non vogliamo che ci sia il cosiddetto monopolio di club, ma siamo per la nascita di altre associazioni che abbiano a cuore le sorti delle auto antiche. Insomma, è nostro intento promuovere azioni positive perché tutti possano godere liberamente del proprio veicolo di interesse storico senza legacci burocratici che attanaglia il settore.

Aldo Autiero (Classic Motor Company Club): 'Vi racconto le auto storiche e sul bollo vi dico che...' (INTERVISTA)

La Legge di Stabilità del Governo Renzi vuole introdurre il bollo anche per i mezzi d’epoca che abbiano meno di 30 anni. Cosa implica tutto questo?

Anzitutto non sono d’accordo con questa proposta di legge, anche perché già sono contrario al pagamento del bollo per le auto in generale. Tutto questo porta a disperdere, in un certo senso, il valore dei mezzi storici, con i proprietari che trasferiranno all’estero il tutto. Così facendo a beneficiare sarebbero gli altri Paesi europei, come Germania, Francia, Spagna, anche perché anche chi possiede mezzi di grossa cilindrata porterà tutto lì.

Aldo Autiero (Classic Motor Company Club): 'Vi racconto le auto storiche e sul bollo vi dico che...' (INTERVISTA)

Quali sono le differenze tra le auto attuali e quelle di un tempo?

Nei materiali e nell’elettronica. Una volta per riparare un mezzo ci voleva tempo, ma era più facile perché si sostituiva il pezzo. Oggi, invece, non è così perchè i ricambi possono essere “rimpiazzati” solo dopo aver smontato tutta la parte in questione.

Aldo Autiero (Classic Motor Company Club): 'Vi racconto le auto storiche e sul bollo vi dico che...' (INTERVISTA)