Home Auto Alfa Romeo Giulia: cosa si nasconde dietro i presunti problemi dei crash...

Alfa Romeo Giulia: cosa si nasconde dietro i presunti problemi dei crash test

11750
0
SHARE
Foto: Pagina Facebook "Alfa Romeo Project 952"

Non deve essere stato un venerdì tranquillo per Alfa Romeo e per tutti i suoi appassionati. Nella giornata di ieri, infatti, il portale Automotive News aveva parlato del ritardo delle consegne riguardanti la Giulia capace di non superare nessun crash test. Una notizia che ha fatto preoccupare, e non poco, tutte quelle persone vogliose di acquistare la bellissima berlina del “Biscione” che sarà presente anche al Salone di Ginevra (3-13 marzo).

L’importante sito citato poc’anzi, così, ha abbinato, al ritardo abbinato alle vendite, anche questi problemi riguardanti i crash test che l’auto non avrebbe superato. Infatti, sia la parte frontale, laterale e posteriore della vettura non sarebbero stati promossi nei test di sicurezza, con conseguenti problemi per tutta la gamma. Ma cosa c’è dietro tutto questo? Quello che scrive Automotive News corrisponde alla verità? La risposta è negativa per una serie di motivi che andiamo a spiegare immediatamente.

Anzitutto, come scrive RoadandTrack.com, “Un portavoce Alfa Romeo, raggiunta da Road & Track, nega completamente la validità del rapporto Automotive News, definendolo “non accurato e non rappresentativo”. Il portavoce ha affermato che FCA sta lavorando per iniziare la produzione dell’Alfa Romeo Giulia inerente al mercato statunitense nella seconda metà del secondo trimestre 2016 a cominciare dalla variante Quadrifoglio con i modelli più tradizionali a seguire”. Insomma, una smentita bella e buona che sarebbe arrivata da un addetto della casa automobilistica. Ma c’è di più.

Leggi anche – Alfa Romeo: perché il piano di rilancio subirà un ritardo

La notizia relativa ai problemi di crash test è falsa anche per altri due ragioni: le varie concessionarie avranno l’Alfa Romeo Giulia dopo il Salone di Ginevra. Inoltre, l’azienda che si occupa della realizzazione delle parti dell’auto, starebbe fornendo alla stessa Alfa Romeo ben 25 tetti in carbonio al giorno da montare sulla Giulia.

Vedi anche  Alfa Romeo Giulia: gli interni che possono scegliere i clienti (FOTO)

Infine, grazie ai rumors della pagina Facebook “Alfa Romeo Project 952”, siamo in grado di vedere la probabile innovativa brochure digitale della Giulia, anche se il tutto non è ancora ufficiale.