Bollo auto storiche: arriva la proposta in favore degli appassionati

1979
0
SHARE
Foto: santagatando.wordpress.com

Il pagamento del bollo auto, valevole per i mezzi storici, è un provvedimento ufficiale già dall’inizio dell’anno con l’approvazione della Legge di stabilità. Non sono bastate le lamentele dei tanti appassionati di veicoli storici per evitare tutto questo. In poche parole, i possessori di auto e le moto con meno di 30 anni di età saranno costretti a pagare la tassa nella sua totalità, ma dalla Liguria arriva una proposta che potrebbe accontentare gli appassionati delle cosiddette “storiche”.

Marco Melgrati, Capogruppo di Forza Italia e Angelo Barbero, Consigliere del Gruppo Misto eletto con il PDL, infatti, hanno presentato una proposta di legge regionale che non renderebbe troppo pesante la decisione del Governo. I due politici, vorrebbero che la legge già in vigore in Toscana e Lombardia, sia attuata anche in Liguria con costi diversi. Ricordiamo che nel territorio toscano, l’importo del bollo è di 60 euro per le auto e di 30 euro per le moto, mentre a Milano e dintorni la stessa tassa è rappresentata dai 30 euro per le automobili e dai 20 per le moto. In Liguria, secondo la proposta, il bollo sarebbe di 50 euro per le auto e di 30 euro per le moto.

Come riporta il portale www.ivg.it, ecco le dichiarazioni dei due rappresentati delle istituzioni: “Crediamo che questa sia una proposta di buon sensohanno affermato Melgrati e Barberonecessaria per venire incontro ai tanti appassionati che mantengono vetture che per L’A.S.I., Automotoclub Storico Italiano (che conta al momento su circa 202.000 possessori di veicoli storici), costituito nel 1966 e riconosciuto Ente morale di diritto privato per decreto del Presidente della Repubblica n.977 del 24 ottobre 1980, sono già auto d’epoca. Riteniamo che questa iniziativa dovrà avere priorità assoluta, in quanto il bollo deve essere pagato nel primi giorni dell’anno, per non incorrere in more e sanzioni. Chiederemo l’iscrizione d’urgenza ai lavori di Commissione e di Consiglio Regionale”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here