Home Auto E se l’Alfa Romeo non fosse più un marchio Premium?

E se l’Alfa Romeo non fosse più un marchio Premium?

726
0
SHARE

Sono mesi che parliamo dell’Alfa, del suo rilancio più o meno imminente, di sogni e speranze per il futuro del marchio e degli appassionati che ora, dopo la presentazione della nuova monoposto Ferrari, suonano la carica sul web separandosi tra chi ci crede e chi ha smesso da tempo.
Cerchiamo noi senza presunzione di mediare e aspettiamo i vostri commenti qui sotto proprio per parlarne. Il domani di Alfa Romeo è nel mercato Premium o è destinato a segnare una triste rinascita puramente economica?

Storicamente parlando, l’Alfa ha segnato una parte significativa della storia del nostro Paese. Prima le corse, poi le Forze dell’Ordine, passando per i garages delle famiglie sparse sul territorio, senza contare il biglietto da visita che è stata in grado di diventare dell’Italia nel mondo.
Questo fino a poco tempo fa, quando le vendite erano tante, i modelli al centro del progetto e gli standard di qualità altissimi, al pari delle accanite tedesche per esempio ma con quella vena caratteriale in più, quasi a protezione del suo territorio, sempre lì in bella mostra a tutela del “made in Italy“.
Poi il crollo, Fiat rischia il fallimento, saltano piani, progetti e posti di lavoro, Alfa è dimenticata.

Arriva Marchionne che firma sacrifici importanti in campo di personale e remunerazione, rilancia Fiat, compra Chrysler si occupa di Lancia, Montezemolo guida Ferrari in cima al mondo e l’Alfa Romeo da un primo debole segno di vita con la MiTo uscita nel 2008 e già da 7 anni in commercio.
Poi 8C e la Giulietta che è bella si, ricorda quasi il dna tipico del Biscione ma manca di qualcosa, sà di Fiat e gli alfisti lo sanno.

Vedi anche  Le lacrime di Sebastian Vettel dopo la vittoria in Malesia (FOTO)

Ecco quindi la 4C forse la degna erede della dinastia. Agile, scattante, decisa, con carattere insomma e tutti noi ricominciamo a sperare.
Io certo non conosco i piani di FCA ma sono certo che il valore storico e civile dell’Alfa non sarà cancellato, anzi, la Giulia (se uscirà) darà prova e conferma a queste parole che spero di non dover ritrattare in futuro.
Quindi si, per me l’Alfa Romeo è stata, resta e sarà sempre al centro del settore Premium.
Le grandi inizino a tremare…