SHARE

Due giorni sempre al top stavolta non sono serviti a Lewis Hamilton per accaparrarsi la Pole Position a Montrèal, per il Gran Premio del Canada di Formula 1. A partire davanti a tutti sarà il suo compagno di squadra Nico Rosberg, che precede il britannico di 76 millesimi: oltre al danno, dunque, la beffa.

Una bella giornata di sole illumina l’isola sul San Lorenzo dove, all’interno di uno splendido parco, si trova lo storico circuito intitolato a Gilles Villeneuve. E chissà che reazione avrà avuto in cielo il grande Gilles nel vedere, per l’ennesima volta, le Ferrari relegate nelle retrovie: settimo Fernando Alonso e decimo Kimi Raikkonen. Chi si aspettava il riscatto delle Rosse, deve probabilmente rimandare ad altra data i propositi di riscossa.

La lotta in famiglia in casa Mercedes premia, dunque, il biondo tedesco leader del campionato mondiale, nonostante Hamilton fosse stato davanti sia nelle libere di ieri che nelle prime fasi della qualifica di oggi. Per Rosberg terza pole stagionale, la seconda consecutiva dopo Montecarlo, e la possibilità concreta di cogliere l’opportunità di mettere altri punti tra sé ed Hamilton in ottica titolo, in un circuito dove i sorpassi sono quasi proibiti. Chissà se i chiarimenti post Gp di Monaco avvenuti dalle parti di Stoccarda avranno sortito gli effetti sperati o se, come pensano in molti, ci saranno le solite scintille.

Dietro la coppia d’argento un ritrovato Sebastian Vettel, capace finalmente di trovare la zampata per tenersi dietro il compagno di scuderia Ricciardo, solo sesto dietro alle ottime Williams di Bottas e Massa, davvero a proprio agio tra i muretti canadesi. Detto delle Ferrari, chiudono la top ten un ottimo Vergne, ottavo con la Toro Rosso, ed il redivivo Jenson Button.

La gara di domani (diretta alle 20 su Rai 1 e su Sky Formula 1 HD) vivrà nel passaggio in testa alla prima curva e, in seconda battuta, nella diversa strategia che sapranno attuare le varie scuderie. Se il muretto Ferrari saprà essere più forte della vettura in pista, i propositi di podio che Alonso aveva fatto trasparire alla vigilia del Gran Premio potranno diventare concreti. Questo, oltre all’esito del duello intestino alla Mercedes, il principale motivo di interesse della gara di domani. Come sempre, la risposta alla pista.