MotoGP: Ducati, qui i motivi della rinascita

307
0
SHARE

Le premesse c’erano tutte sia nelle prove libere che nelle qualifiche anche se nella rinascita della Ducati pochi ci credevano senza sperarci poi più di tanto. Invece in Quatar, il sogno è tornato realtà, la rossa a due ruote è di nuovo competitiva e se non fosse stato per Valentino, in una forma imbarazzante per quanto disumana, Dovizioso e Iannone avrebbero monopolizzato il primo Gran Premio della stagione.

In realtà tornando a pochi mesi fa tutti i piloti davano Honda come marchio da battere e tanto lontano da prefigurare un mondiale apatico e senza sorprese.
Certo che la Ducati c’era si vedeva, senza guardare i tempi che ancora parlavano poco di Yamaha e tanto di Marquez.
Il percorso che ha portato al successo di ieri è stato lungo ed impegnativo, iniziato forse proprio quando Valentino è arrivato alla corte di Bologna.

Anni di fatiche che hanno trovato la svolta poco più di un anno fa quando la Casa italiana è stata acquistata da Audi che aveva la necessità di rientrare nei parametri anti-inquinamento sanciti dall’Unione Europea e acquisire un marchio come Ducati era l’unica via per riuscirci.
Ed è proprio la serietà tipicamente tedesca che ha “salvato” l’italiana, i vertici di Inglostadt hanno deciso di lasciare lo spirito e la struttura governativa italica nel piano moto e di aumentare gli investimenti in ricerca e sviluppo fermi da tempo. Questo il risultato e siamo solo al secondo anno, così orgogliosi che non abbiamo paura di aspettare per dire: “Bentornata Ducati e bentornata MotoGP!”

Vedi anche  Lapo denuncia: la nuova Twingo è la copia della Fiat 500

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here