Home News Parcheggio: no problem con Easypark

Parcheggio: no problem con Easypark

202
0
SHARE
parcheggio
fonte: gianlucagalimberti.it

Parcheggio: sarà più facile con Easypark

Il parcheggio non sarà più un problema. Dimenticatevi lo stress da traffico cittadino, dimenticatevi le battaglie per trovare l’ultimo parcheggio disponibile, perchè da oggi potrete vedere tutto direttamente dal vostro smartphone, ancora prima di uscire di casa.

Nasce tutto da un progetto di Easypark che, in collaborazionecon Nedap e Worldsensing ha mosso i primi passi verso la parking guidance: questa speciale app permette di avere in tempo reale una quadra riguardante i posteggi del parcheggio su strada.

Il vantaggio oltre che per il singolo automobilista checosì facendo evita di perdere tempo per cercare un parcheggio nelle vicinanze, è anche per l’intero traffico cittadino che in questo modo sarà favorito dalla canalizzazione delle vetture verso più direzione eliminando quell’imbuto “da centro” che tanto fa adirare.

In questo modo la congestione del traffico sarà ridotta contando che la sola ricerca del parcheggio costituisce il 30 % dell’intero traffico cittadino, con un forte abbassamento delle emissioni di gas nocivi.

Le parole di Birgersson sul parcheggio

Utilizzando, in tempo reale, i dati dai fornitori di sensori come Nedap e WorldSensing insieme ad altre fonti, l’app EasyPark permette agli automobilisti di trovare rapidamente posti auto disponibili. ”Siamo entusiasti delle molte possibilità che quest’innovazione apporta nel nostro rapporto con le città”.

Ecco come funziona l’app:

Migliorare la vita dei cittadini e assicurarsi che la mobilità funzioni in maniera fluida è l’obiettivo prioritario di molte amministrazioni,commenta Johan Birgersson, ceo di EasyPark: “In questaesta epoca segnata da un aumento esponenziale di dati, lavorare con i nostri apprezzati partner ci permette di utilizzare al meglio importanti informazioni, rendendole disponibili nella nostra interfaccia in tempo reale, quando serve.
Possiamo farlo ora, utilizzando i dati per contribuire a cambiare il comportamento dell’automobilista, con l’obiettivo finale di migliorare la mobilità in città
”.

Vedi anche  MotoGP, Rossi fa ricorso al Tas: ecco i punti a favore (FOTO E VIDEO)