Home Auto Renault: sospettata frode sulle emissioni inquinanti, crolla il titolo in borsa

Renault: sospettata frode sulle emissioni inquinanti, crolla il titolo in borsa

227
0
SHARE
Fonte: www.autojunction.in

Renault potrebbe avere, al pari di Volkswagen, giocato sporco sulle emissioni inquinanti dei suoi motori: nelle scorse ore la polizia francese ha eseguito una serie di perquisizioni presso uffici e stabilimenti del costruttore francese. La notizia è stata diramata dai sindacati legati al brand francese, per il quale l’accusa è molto simile a quella mossa, a settembre, al gruppo Volkswagen.

Renault è infatti sospettata di avere installato sulle proprie vetture un software capace di eludere i controlli sulle emissioni. L’attenzione degli inquirenti si è infatti concentrata sulle aree di test per i motori, e se le accuse si rivelassero fondate, porrebbero il gruppo francese (che controlla anche Dacia e Nissan) nella stessa posizione del gruppo Volkswagen, essendo il meccanismo di frode apparentemente molto simile. La notizia ha avuto immediate ripercussioni negative sulla quotazione in borsa del titolo legato a Renault, che ha fatto registrare un -20%, che ha comportato cali per tutti i titoli europei legati all’automotive: Volkswagen -4,11%, Bmw -3,87%, Daimler -4,91% e Peugeot -6,34%, mentre perde circa il 10% il gruppo FCA.

Nell’attesa di conoscere eventuali altri sviluppi della vicenda, è già arrivata la piccata replica di Renault: la casa francese ha confermato le perquisizioni, ma ha anche smentito l’esistenza di software legati ad una possibile frode sulle emissioni inquinanti. L’ultima parola, dunque, è che i motori Renault siano “puliti”. Una cosa che ci auguriamo vivamente, considerando che il fenomeno potrebbe avere, così come accaduto con Volkswagen, risonanza globale.

Vedi anche  La Renault Clio si prende l'Italia