Ricciardo ed il flussometro e se fosse questione di stile di guida

797
0
SHARE

Nuovi problemi al flussometro montato sulla RedBull di Ricciardo, e c’è già chi parla di “telenovela flussometro” ed effettivamente i guai al flussometro sono costati cari alla RedBull e al pilota Austriaco: 1 squalifica per consumo eccessivo e dati mancanti per il team tecnico.

Per ben tre volte il flussometro fornito dalla FIA ha smesso di funzionare o ha avuto delle anomalie solo nell’auto di Ricciardo (se si esclude un solo caso accaduto alla Toro Rosso).

f1passion.it
f1passion.it

Quando un problema tecnico si presenta esclusivamente ai danni di un solo pilota, se si escludono le colorite teorie del complotto, la logica suggerisce che la causa potrebbe essere la variabile più influente: il pilota.

Non sarebbe certo la prima volta nel mondo del motor sport che un particolare stile di guida interferisca in maniera negativa con la componente tecnica del mezzo.

Nel passato della Formula 1 si possono trovare casi analoghi: come quello in cui una scuderia è stata costretta a cambiare l’intero impianto frenante ad un pilota che frenava effettuando pompaggi rapidissimi sul pedale del freno mandando in risonanza l’intero impianto, e andando a indebolire notevolmente la struttura dello stesso per tutta la durata della gara.

giornalemotori.com
giornalemotori.com

Anche nel motociclismo esistono casi del genere: come non citare la straordinaria storia di Giancarlo Falappa, il grandissimo campione della Ducati SuperBike che costrinse la squadra di Borgo Panigale a modificare il serbatoio dell’olio perché il pilota gareggiava per troppo tempo tenendo la sua moto impennata!

Credit Photo [rtrsports.com]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here