Home News The Reunion: torna il raduno di moto classiche e special

The Reunion: torna il raduno di moto classiche e special

444
0
SHARE
the reunion
fonte: thereunion.it

THE REUNION: LA SECONDA EDIZIONE A MONZA

The Reunion torna a far brillare gli occhi agli appassionati di moto classiche, cafè racer e special. La seconda edizione del raduno che richiama migliaia di appassionati delle due ruote è pronto ad accendere i motori in una location davvero speciale: l’Autodromo Nazionale di Monza.

Gli organizzatori hanno voluto aggiungere qualcosa in più rispetto all’edizione dello scorso 2015 (5000 partecipanti): dalle date, che aumentano di numero e abbracciano le calde giornate primaverili del 14 e 15 maggio, fino agli espositori e le case che nella passata edizione non avevano presenziato.

the reunion
La griglia di partenza della Sprint Race dell’anno scorso

THE REUNION: LE GARE

Tre le gare previste per la seconda edizione di The Reunion: all’interno del mitico Anello di Alta Velocità, il raduno si trasformerà in vera e propria manifestazione motoristica con una Sprint Race sull’ottavo di miglio del rettilineo dove 64 moto raffreddate ad aria si daranno battaglia verso il traguardo, una Scrambler Dirt Race che consiste in un inseguimento sull’ovale sterrato ed infine lo Show Run di auto e moto fuoriserie.

Alcune scene dell’edizione 2015:

Le Case costruttrici più importanti hanno già confermato la loro presenza, novità assoluta invece saranno le “new entry” Mini, Belstaff, Caffè Veloce e Proraso. Confermata anche Tag Heur che sarà il cronometro ufficiale del raduno.

A The Reunion parteciperanno anche importanti nomi del custom Italiano insieme ai partecipanti e alle moto special che vedremo a “Lord of the Bikes” trasmissione dedicata al mondo delle due ruote che vedremo da stasera, martedì 22 marzo, su Sky Uno.
Hai ancora tempo per partecipare, l’iscrizione è gratuita, l’unico costo della manifestazione riguarda il biglietto d’ingresso per l’Autodromo Nazionale di Monza di 5€ clicca subito qui se vuoi iscriverti.

Vedi anche  Attentati in Francia: la reazione su voli, treni e infrastrutture