Esenzione bollo auto: ecco tutto quello che c’è da sapere

6253
0
SHARE
Foto: grandain.com

Il bollo auto, da sempre, crea polemiche per tutti i proprietari dei mezzi. Una tassa, secondo molti, inutile da pagare anche per le somme molto alte che vanno a colpire sempre più le tasche dei cittadini, esasperati di tutto questo. A rincarare la dose, poi, è intervenuto anche il Governo che, negli scorsi mesi, ha deciso di far entrare in vigore alcuni provvedimenti da applicare alla Legge di Stabilità che ha colpito i cosiddetti mezzi storici con età compresa tra i 20 e i 29 anni. Però, esistono casi per l’esenzione del pagamento del bollo auto. Vediamoli insieme con tutto quello che c’è da sapere.

Sono esenti dal pagamento della tassa, i mezzi adibiti al trasporto di persone disabili. Rimanendo sempre su questa categoria, la tassa non deve essere pagata da: persone con gravi problemi motori, persone affette da psichici e mentali, persone con pesanti ostacoli delle capacità di deambulazione, sordomuti e non vedenti. Ci sono differenze relative ai mezzi di trasporto. Infatti, “l’immunità” spetta ai proprietari di auto o sidecar, a patto che non vengano usati per il trasporto promiscuo. Per questa “categoria” esistono delle regole ben precise: la cilindrata del veicolo a benzina non deve superare i 2000 cc, mentre per i mezzi a diesel basta non oltrepassare la soglia dei 2800 cc. Se l’auto è intestata anche al familiare che ha a carico il disabile (in termini fiscali), l’esenzione è ugualmente totale senza nessun problema.

Le persone affette da problemi citati in precedenza, devono presentare alcuni documenti per ottenere il pass utile a non pagare il bollo entro e non oltre i 90 giorni dalla data di scadenza del pagamento. Il modulo deve essere esibito all’ufficio tributi della regione di appartenenza o di residenza. In base alla disabilità, ovviamente, i documenti cambiano.

Discorsi diversi per le auto elettrice, GPL o metano. Per quest’ultime due categorie, il bollo viene pagato con un 75% in meno dell’importo iniziale, anche se esistono diversi esempi a seconda delle regioni. In Lombardia e Piemonte, l’esenzione è applicata ai mezzi con alimentazione GPL, mentre nella Provincia autonoma di Bolzano, gli automobilisti proprietari di un mezzo benzina-gas, non devono ottemperare al pagamento della tassa. Infine, per le auto elettriche, “l’immunità” dal pagamento è applicata per i 5 anni successivi all’immatricolazione, con il 75% in meno dell’importo a partire dal sesto anno. Tuttavia, Lombardia e Piemonte, il bollo per questa categoria di mezzi non viene pagato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here