Home Auto Renzi ci riprova: all’asta altre auto blu appartenenti alla Difesa

Renzi ci riprova: all’asta altre auto blu appartenenti alla Difesa

269
0
SHARE
Fonte foto: makemefeed.com

33 auto blu del Ministero della Difesa sono a disposizione del miglior offerente su eBay. La vendita sarà scaglionata in tre lotti e ogni asta avrà la durata di sette giorni. Le prime dieci auto possono essere acquistate fino a giovedì 5 Marzo, le rimanenti 23 a seguire, nelle settimane successive. Si tratta di Alfa, BMW, Fiat e Lancia, con anno di immatricolazione compreso fra il 2002 e il 2012.

Non è la prima volta che il Governo mette all’asta vetture destinate al disuso. La prima asta, infatti, era terminata con la vendita di 82 auto (35 BMW, 21 Lancia, 15 Alfa Romeo, sei Audi, di cui quattro blindate, tre Subaru e due Jaguar) su un totale di 118, con un incasso, destinato a un fondo per il calo del deficit, di 701.987 euro di cui 104.402 ottenuta dai rilanci. Sessantuno di queste provenivano dal ministero dell’Interno, 55 dalla Polizia di Stato, sei dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, cinque dal Ministero della Difesa (Reggimento di Manovra Interforze) e 16 dal Ministero della Giustizia (Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria). La base media di partenza dell’asta per ogni automobile, è stata pari a 7.288 euro, mentre quella conclusiva di 8.561 euro.

Le vendite sono state ripartite equamente in tutta Italia, ma cinque di queste sono state aggiudicate all’estero (tre in Germania e due in Francia). Ai tedeschi è piaciuta, in particolare, una delle due Audi A8 del ministero dell’Interno, in uso ai Presidenti Emeriti della Repubblica. I curiosi, coloro che sono andati a vedere le auto in vendita, sono stati oltre 1 milione e mezzo, con 1.377 offerte sulle 82 auto vendute.

Vedi anche  Patente di guida: cosa cambia dal 6 febbraio

Sappiamo però dai numeri che non c’è stato l’effettivo taglio delle Auto Blu promesso da Renzi fin dai primi giorni di Governo, speriamo che questa sia la volta buona per un taglio a costi che gravano molto sul bilancio statale e che in alcuni casi, per personaggi che non ne hanno alcun bisogno reale, sono realmente inutili.