Home Corse Formula 1 2016: ecco come cambiano gli pneumatici

Formula 1 2016: ecco come cambiano gli pneumatici

5646
0
SHARE
Fonte: circusf1.com

Il campionato Formula 1 è terminato da una settimana ma numerose sono le notizie ufficiali già trapelate in vista della stagione 2016. Una di queste è l’introduzione di un nuovo sistema per la scelta della mescola dei pneumatici. In questo modo la FIA e la Pirelli auspicano di rendere le gare più combattute ed imprevedibili, concedendo alle scuderie un maggior ventaglio di soluzioni disponibili.
Nel 2015 la Pirelli ha fornito alle scuderie quattro tipologie di pneumatici, differenti fra loro per la consistenza della mescola: erano le opzioni Supermorbida, Morbida, Media e Dura. Dal 2016 verrà introdotta anche la mescola Ultramorbida, riconoscibile per una marcatura sul fianco di colore viola e da utilizzare soltanto in condizioni limite: più un pneumatico si rivela morbido e più facilmente entra in temperatura, ma allo stesso tempo si usura molto più velocemente.

Fonte: quattroruote.it
Fonte: quattroruote.it

Il numero di treni messi a disposizione resta lo stesso: 13 set di pneumatici slick, da utilizzare in occasione di prove libere, qualifiche e gara. La novità sta nella gamma più ricca a cui attingere: prima di ogni gran premio la Pirelli selezionerà (in accordo con la Federazione) tre mescole fra le cinque previste, ritenute le migliori in relazione al tipo di pista, al tipo di asfalto ed alle condizioni meteorologiche. Oggi, invece, la scelta per ogni gp è limitata a due tipi di mescola.
Fonte: daidegasforum.com
Fonte: daidegasforum.com

Ogni pilota dovrà utilizzare in gara due set obbligatori di pneumatici, identici ovviamente per tutti e scelti dalla Pirelli. Questi saranno i due set più duri fra i tre previsti. La terza mescola verrà riservata ai piloti che accederanno al terzo turno di qualifica (Q3) e che si contenderanno la pole position ma resterà limitata alle qualifiche stesse: i team dovranno infatti riconsegnare gli pneumatici della Q3 e rimontare prima della gara le coperture utilizzate nella Q2, così da non ottenere troppo vantaggio alla partenza rispetto ai piloti che non sono riusciti ad accedere al terzo turno. Allo stesso tempo, però, chi non accede alla Q3 può utilizzare in gara il treno risparmiato non avendo ottenuto l’accesso alla terza sessione: in questo modo i team di secondo profilo avranno l’opportunità di usare in gara pneumatici nuovi e più efficaci.
La scelta dei pneumatici sarà da quest’anno specifica per monoposto, quindi i team avranno la possibilità di elaborare strategie diverse per pilota: è in questo modo che la Pirelli auspica di rendere le gare meno prevedibili.

Vedi anche  Top Gear Italia: ecco come è andata la prima